Pubblicato da: listacivicavapriese | gennaio 25, 2011

VIABILITA’: INTERVISTA ALL’ASSESSORE ALL’URBANISTICA PAOLO MARGUTTI

QUALI ATTIVITA’ STA ATTUANDO L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE IN MERITO AL PROBLEMA VIABILISTICO?

Da tempo questa Amministrazione ha avviato molteplici attività che possono essere ricondotte a due opere stradali, che confluiranno in un unica opera conosciuta da tutti
come la nuova “BRETELLA NORD”.
La nuova strada consentirà di far transitare tutti i veicoli provenienti dalla direttrice Bergamo/Milano e viceversa, lungo la SP (ex SS) 525 che in prossimità di Vicolo San Pietro (taglio del parchetto Monasterolo) collegherà la SP104 nelle vicinanze dell’attuale semaforo di Via per Trezzo/Via Grezzago. Per realizzare i due interventi sono necessarie numerose attività amministrative–burocratiche, propedeutiche alle azioni operative di cantierizzazione delle due opere.
Brevemente verranno riportati i risultati ad oggi raggiunti, cercando di far chiarezza sul tortuoso percorso compiuto:

opera “A” BRETELLINA

  • In data 1/10/2010 si è ottenuta l’autorizzazione paesaggistica ed il nullaosta del Parco Adda Nord.
  • In data 25/10/2010 il Parco Adda Nord ha fatto ulteriore richiesta di modifica della tipologia delle piante previste nel progetto.
  • Dopo l’incontro avvenuto con l’Assessore della Provincia De Nicola, siamo in attesa dell’approvazione del progetto esecutivo da parte della Provincia.
  • In seguito verrà indetta una gara pubblica per l’aggiudicazione dei lavori.
  • E’ già stato fissato un incontro con la Direzione generale viabilità e trasporti per sollecitare l’avvio dei lavori.

opera “B” CIRCONVALLAZIONE NORD

  • Nel mese di ottobre 2009, dopo la richiesta di procedura alla assoggettabilita’ alla V.I.A.(valutazione di impatto ambientale), si è ricevuto l’atto formale che esonerava il Comune dalla presentazione della V.I.A.
  • Nel settembre 2010 è stato dato mandato per la progettazione definitiva dell’opera.
  • Siamo in attesa del deposito degli atti del progetto per le necessarie verifiche tecniche.
  • Durante i mesi di maggio e giugno 2010 è stato fatto un incontro con i proprietari delle aree soggette ad acquisizione da parte dell’Amministrazione Comunale per la realizzazione del sedime stradale.
  • Si conta di concludere la procedura di acquisizione entro la primavera 2011.

E’ IPOTIZZABILE UNA DATA DI INIZIO LAVORI?

Come precedentemente detto, essendo due opere distinte, i lavori saranno eseguiti da due “operatori” differenti. Per quanto riguarda i lavori della bretellina (tratto di strada compreso tra Vicolo San Pietro e Via Concesa/Grezzago), la competenza (stazione appaltante) è posta in capo alla Provincia di Milano. L’Amministrazione Comunale avrà un funzione propulsiva nei confronti dei referenti provinciali. Per quanto attiene alla circonvallazione nord (tratto compreso tra Via Concesa/Grezzago e Via Grezzago/Trezzo), potrà essere dato un termine certo solo dopo aver approvato e valutato il progetto definitivo ed esecutivo.
In entrambi i casi si ritiene che ci siano le condizioni per un avvio dei lavori durante l’anno in corso.

MA E’ PROPRIO NECESSARIO COSì TANTO TEMPO PER PREDISPORRE LA DOCUMENTAZIONE? COSA MANCA PRIMA DELL’AVVIO DEI LAVORI PER LA CIRCONVALLAZIONE?

Come ho già evidenziato prima, non è una questione di tempo per la predisposizione degli atti o dei progetti, ma il tempo necessario per gli adempimenti amministrativi-burocratici. La normativa di riferimento, per molte parti, si sovrappone con altre normative con la conseguenza che i vincoli si intrecciano e complicano anche le azioni che possono sembrare semplici. Inoltre, questo intreccio di leggi, rende necessario il coinvolgimento di altri “attori” che devono esprimere il proprio parere con il rischio di mettere in discussione tutto quello fatto prima. E’ evidente che con questa situazione il pericolo di trovare persone che svolgono il loro lavoro in modo ineccepibile, ma sicuramente distaccato dalla realtà e dal problema, fa si che il loro contributo sia la sola verifica della “forma e non della sostanza”. La conseguenza è l’enorme tempo che ci si impiega ad “allineare” tutti i pareri, sperando che nel frattempo non intervengano modifiche alle leggi, altrimenti bisogna ripartire dall’inizio o comunque rallentare per adeguarsi ai nuovi dettati normativi.
Possiamo dire che la maggior parte della documentazione è ormai stata predisposta ed ha ottenuto le necessarie autorizzazioni dai vari entri sovracomunali competenti.

Senza creare allarmismo proverò a schematizzare i passaggi necessari per arrivare alla cantierizzazione della circonvallazione (opera “B”):
1) acquisizione sedime aree (terreni);
2) condivisione del parere sul progetto da parte della Provincia di Milano
3) autorizzazione paesaggistica;
4) approvazione della Giunta del Progetto definitivo/esecutivo;
5) indizione gara per esecuzione lavori;
6) stipula contratto;
7) inizio lavori

L’AVVIO DEI CANTIERI DELLE DUE OPERE DEVE ESSERE CONGIUNTO?

Sarebbe auspicabile un inizio congiunto dei lavori. Ma come è evidente i due cantieri sono completamente autonomi sia per la gestione dei cantieri che come percorribilità a ultimazione degli stessi. Personalmente ho sempre ritenuto che nella malaugurata ipotesi di un eventuale ritardo dell’inizio dei lavori di uno dei due cantiere, sia per quello posto in capo alla Provincia.

QUANDO SARANNO CONCLUSE QUESTE DUE OPERE, COME CAMBIERA’ LA VIABILITA’ DEL PAESE?

Il nostro centro abitato è pesantemente afflitto dal traffico, con la messa in esercizio della nuova strada a nord sarà completamente liberato il centro abitato dal traffico che attualmente lo rende inquinato e insicuro su alcuni tratti stradali. Come potete notare ho usato centro abitato e non centro storico, in quanto la viabilità in realizzazione ha come obiettivo l’allontanamento del traffico e il conseguente miglioramento della vita nel nostro paese. Viene riportato un estratto dello strumento urbanistico per poter constatare il tracciato completo.

Annunci

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: