Pubblicato da: listacivicavapriese | maggio 4, 2014

Guarda il nuovo sito della Lista Civica Vapriese

Logo

 

 

Guarda il nuovo sito

della Lista Civica Vapriese

Annunci
Pubblicato da: listacivicavapriese | ottobre 21, 2011

CONSEGUENZE DELLE RECENTI MANOVRE ECONOMICHE SUI COMUNI

Nel Consiglio Comunale di venerdì 30 Settembre il primo punto all’ordine del giorno “Conseguenza della manovra economica sull’attività dei Comuni (DL 13/08/2011 n.138)” è stato trattato in seduta aperta agli interventi del pubblico.

La questione è grave e coinvolge tutti i Comuni e, di riflesso, tutti noi cittadini Italiani.

Vogliamo dare qui alcuni spunti tratti da relazioni dell’ANCI che da tempo lancia (inascoltata)
grida di allarme.

Le diverse manovre economiche che in questi anni si sono succedute hanno imposto tagli e obiettivi
di riduzione della spesa non più sostenibili.

I comuni sono l’unico comparto della Pubblica Amministrazione che ha tenuto sotto controllo la
spesa corrente: nel quinquennio 2005-2009 il saldo di bilancio della Pubblica Amministrazione
è peggiorato di quasi 20 miliardi di Euro, mentre nello stesso periodo, il bilancio del comparto
comunale aggregato ha registrato un miglioramento di 2,6 miliardi di Euro.
Parlando in termini percentuali, il debito dei Comuni è pari al 2,7% del debito totale della Pubblica
Amministrazione.

Benché i Comuni siano quindi l’unico comparto della Pubblica Amministrazione ad aver realizzato
gli obiettivi di miglioramento loro dettati dalle manovre economiche degli ultimi anni, sui Comuni
si scaricano in misura sempre maggiore i tagli dei trasferimenti statali e gli obiettivi sempre più
stringenti del patto di stabilità che limita gli investimenti dei Comuni stessi, contribuendo alla
stagnazione dell’economia Italiana.

Per il nostro Comune gli impatti di queste manovre sono:
• in termini di taglio dei trasferimenti: 240.000 Euro nel 2011 e 323.500 Euro nel 2012
• in termini di Obiettivo patto di stabilità: 230.000 Euro nel 2011 e 384.500 Euro nel 2012
Nello stesso Consiglio Comunale del 30 settembre, in un punto successivo abbiamo approvato una
variazione di bilancio per ovviare al taglio dei trasferimenti per quest’anno, ma le prospettive per il
2012 sono alquanto difficili … .

C’è un rischio sempre più concreto di un ridimensionamento da parte dei Comuni di servizi finora
erogati e/o di un incremento dei tributi che in ogni caso si scaricherebbero sui cittadini.

Dal 2004, anno in cui l’attuale maggioranza del nostro Comune si è insediata non è stato apportato
alcun incremento all’aliquota addizionale Irpef, ferma allo 0,3%,
Un’analisi effettuata dalla società IFEL afferma che nel 2009 il 25,9% dei Comuni applica una
aliquota addizionale Irpef minore o uguale allo 0,3%. Il 44,4% dei comuni applica un’aliquota tra
lo 0,4% e lo 0,6% compreso, mentre il 19,7% dei comuni applica lo 0,7% o lo 0,8%.
Lo studio in questione prevede che, a seguito dei tagli inseriti nelle recenti manovre economiche, si
arriverà presto ad una distribuzione differente:
• i Comuni con addizionale Irpef minore o uguale a 0,3% passerebbero dal 25,9% al 10%
• i Comuni con addizionale Irpef tra lo 0,4% e lo 0,6% incluso, passerebbero dal 44,4% al
25%
• i Comuni con addizionale Irpef 0,7% e 0,8% passerebbero dal 19,7 % al 65% ! .

Pubblicato da: listacivicavapriese | ottobre 4, 2011

NUOVA BIBLIOTECA: POLO DI CULTURA

Alle 11:00 di sabato 1 ottobre è stata inaugurata la nuova biblioteca ALBERTO PIROVANO, una struttura all’avanguardia per per gli spazi e i servizi che offre.

Inserito in un parco di 3000 mq, l’edificio occupa una superficie di 1000 mq., una dotazione libraria di 30.000 volumi ( oltre alla possibilità di utilizzare quelli dell’intero sistema bibliotecario vimercatese ), sezioni dedicate ai disabili, 7 postazioni internet, una rete wi-fi.

L’edificio si sviluppa su tre piani e in quello interrato si trovano un auditorium e alcune salette .

Dopo l’inno nazionale, la benedizione di don Luca ed il taglio del nastro, il numeroso pubblico presente si è raccolto nell’Auditorium dove il Sindaco ha fatto una eaustiva cronistoria della realizzazione di quest’opera. In particolare il Sindaco ha sottolineato che la capacità dell’Amministrazione è stata quella di aver saputo gestire con oculatezza le spese; infatti, grazie a questa pressante e continua attenzione, questa importante opera è costata alla collettività solo il 35 % dei 2 milioni di euro spesi.

Presenti all’inaugurazione anche CINZIA ROSSI dell’Associazione italiana biblioteche e ROBERTO RAMPI, presidente del sistema bibliotecario, che hanno elogiato l’Amministrazione per la sfida culturale messa in atto in un momento di difficoltà economiche.

Moltissimi i vapriesi e non presenti all’inaugurazione (circa 300 persone) che hanno visitato la biblioteca. Tutti espimevano la soddisfazione e l’orgoglio che nel paese si fosse riusciti a realizzare un’opera all’avanguardia e utile alla collettività.

Le iniziative culturali sono continuate nel pomeriggio con uno spettacolo dedicato ai più piccoli. In serata il programma è proseguito con una simpatica conferenza informale con uno scrittore di successo LUCA DI FULVIO ( Zellter, l ‘Impagliatore che diventa il film “Occhi di
cristallo”, La scala di Dioniso, acquistata per il cinema da Gabriele Salvatores, La gang dei sogni, Il Grande Scomunicato ) che ci ha illustrato a 360 gradi come nascono i suoi scritti, creando tra lui e il pubblico un magico feeling.

Anche la domenica la biblioteca era aperta per consentire ad altre innumerevoli persone di visitarla e nel pomeriggio si è tenuto un meraviglioso concerto di ragazzi dell’orchestra “CRESCENDO “, apprezzati dal numeroso pubblico presente

Pubblicato da: listacivicavapriese | ottobre 4, 2011

LAVORI STRADA ALZAIA SUD DEL NAVIGLIO MARTESANA

COS’E’?
La strada alzaia sud del naviglio della Martesana nel Comune di Vaprio d’ Adda tratto ponte sull’ Adda,
casa Custode delle acque ha il fondamentale ruolo di collegamento con il territorio circostante delle
attività artigianali, agricole, industriali e abitative che si trovano in questa zona del territorio di Vaprio d’
Adda.
E’ l’unica via di accesso per i mezzi pesanti quali auto articolati, mezzi agricoli e per il trasporto latte .
Inoltre la strada alzaia è anche un manufatto idraulico che permette il sostegno del naviglio della
Martesana. Questo manufatto sostiene per ogni 10 metri della sua lunghezza circa 210.000 litri di acqua.

 

PERCHE’ I LAVORI ?
A seguito di una verifica strutturale effettuata a causa di evidenti segni di cedimento del fondo stradale e
di alcuni tratti di guard rails, è risultato evidente lo stato di deterioramento delle strutture di sostegno
della strada e del naviglio Martesana, tali da comprometterne la stabilità.
Dopo essere riusciti, grazie alla attività di relazione e coordinamento portata avanti negli scorsi anni
dall’attuale amministrazione comunale di Vaprio d’ Adda, a far sì che i vari enti e aziende, responsabili e
interessati al mantenimento e uso della alzaia e naviglio si accordassero sulla regia e il finanziamento
dell’ opera, nell’ Aprile di quest’ anno sono iniziati i lavori.

COSA SI E’ FATTO?
Sotto la supervisione e responsabilità del Consorzio Est Ticino Villoresi e con la compartecipazione
economica del Comune di Vaprio d’ Adda, A.I.Po, Navigli Lombardi, Velvis, Italgem (centrale
idroelettrica), i lavori iniziati nello scorso Aprile termineranno salvo imprevisti entro il corrente anno.
Dopo aver realizzato una strada di cantiere nella parte bassa vicina al fiume Adda per permettere alle
trivellatrici di eseguire palificazioni di sottofondazione al fine di stabilizzare i piloni portanti e di creare
una muratura di sostegno (Berlinese) al manufatto idraulico del

naviglio della Martesana, in questi giorni
è in corso di realizzazione la nuova soletta di sostegno della carreggiata, al fine di permettere entro la
fine di ottobre p.v. di riaprire la viabilità a senso unico alternato, oggi spostata sulla strada alzaia verso
Cassano d’ Adda.

NEI PROSSIMI MESI.
Dopo aver completato i lavori di rinforzo delle strutture portanti verticali e delle fondazioni, il traffico
potrà essere nuovamente aperto nei due sensi di marcia. La strada di cantiere che costeggia l’ Adda verrà
stabilizzata e resa permanente.

Vaprio d’ Adda 26 Settembre 2011
Assessore ai lavori pubblici
Corrado Riva

Pubblicato da: listacivicavapriese | ottobre 4, 2011

PEDIBUS: le ragioni di un successo.

Dopo due mesi di sperimentazione nell’ultima parte dello scorso anno scolastico possiamo fare finalmente un primo bilancio del Progetto Pedibus.
Grazie al sostegno di un gruppo di genitori, che si sono dimostrati entusiasti, e dell’amministrazione comunale che ha fortemente voluto realizzare questo progetto, il Pedibus si è rivelato una scelta vincente. Ora, alla ripresa dell’anno scolastico, il Comitato Pedibus ha deciso di verificare la possibilità di istituire altre “linee “, da affiancare alle due già esistenti.
Si avranno così la linea arancione con partenza dall’oratorio e la linea lilla con partenza dal nuovo insediamento di Vaprio Sud.
Nelle prime due settimane di scuola il Comitato ha realizzato banchetti informativi per far conoscere non solo le modalità pratiche del Progetto Pedibus, ma la grande valenza educativa dello stesso.
Il Comitato Pedibus ha incontato i commercianti del paese per verificare la possibilta’ di sponsorizzare l’ iniziativa con la fornitura dei cappellini e delle mantelline per i bambini e dei giubbetti per gli accompagnatori.
L’Amministrazione Comunale si occupera’ della cartellonistica delle 2 nuove linee e della copertura assicurativa per gli accompagnatori.

Ecco il commento di una mamma: “Sono contenta di vedere mio figlio con il suo cappellino, di cui è orgoglioso, andare a scuola a piedi divertendosi con i suoi amici. Sta imparando l’educazione stradale ma soprattutto le regole della convivenza con gli altri.”

Per quanto riguarda l’iniziativa “Vieni a conoscre il Pedibus” per i bambini dell’ ultimo anno della scuola materna,si sta verificando la possibilita’ di incontrare e collaborare con le insegnanti e di presentare il Pedibus ai genitori durante la riunione di gennaio.

Pubblicato da: listacivicavapriese | maggio 14, 2011

Tavolo di Coordinamento Educativo

Il Tavolo di Coordinamento Educativo, avviato dall’Assessorato nel marzo 2010 a regia dell’èquipe del CAG e che raccoglie le rappresentanze delle agenzie educative più significative (Scuola, Parrocchia, CAG, Biblioteca) e delle Associazioni che operano per e con i ragazzi, ha ripreso la sua attività con l’apertura del nuovo anno.

Le prime riunioni si sono concentrate sul ruolo che il Tavolo potrebbe giocare in un’ottica di rete e dialogo tra le agenzie educative del territorio, finalizzato ad un approccio comune relativamente alla possibilità di far emergere bisogni ed esigenze della comunità giovanile.

Ci si è chiesti in primo luogo quale modalità educativa potesse venire sperimentata dai soggetti in campo, per riuscire a coinvolgere e ad attivare i giovani vapriesi, all’interno del nostro territorio. Ma prima di ogni altra cosa, chi sono veramente i giovani vapriesi? Come conoscerli meglio?

La risposta che ci si è dati è stata quella di dare loro voce, attraverso un questionario ben confezionato, che porti alla luce le loro vere esigenze in riferimento a relazioni sociali e tempo libero.

Il sondaggio partirà nel mese di maggio attraverso una distribuzione capillare dei questionari a tutti i ragazzi di età compresa tra gli 11 e i 25 anni, ai quali si chiede solo qualche minuto del loro tempo per la compilazione; la restituzione sarà possibile presso il Comune, la Biblioteca A. Pirovano, la Scuola, l’Oratorio S. Giovanni Bosco, il CAG Atlantide e l’edicola di Via Perego.

Il Tavolo ha creato a questo proposito, uno slogan e un logo per il questionario, utilizzato anche come link per la pagina Facebook indirizzata ai ragazzi per la pubblicizzazione di eventi ed iniziative a loro dedicati e per coinvolgerli nella fruizione e costruzione della stessa.

Poi dicono che Vaprio non è … Giovane!

Questo l’efficace titolo, che vuole ribadire la volontà ferma delle realtà operanti per il Tavolo di Coordinamento Educativo, di dare voce e spazio alla vivace realtà giovanile del territorio, perché essa torni a rappresentare veramente una preziosa risorsa per la nostra comunità.

QuestionarioGiovaniTerritorioAggiornato

Pubblicato da: listacivicavapriese | maggio 14, 2011

APPROVAZIONE BILANCIO CONSUNTIVO ANNO 2010

Nel Consiglio Comunale di venerdì 29 Aprile è stato approvato il bilancio consuntivo 2010.

Fin dal 2004 (inizio mandato amministrativo della Lista Civica Vapriese) ci siamo resi conto che
per poter realizzare una coraggiosa politica di sviluppo del nostro territorio era necessario prima
mettere in ordine i conti e consolidare il bilancio.
Nel corso di questi anni c’è stato un trend di forte miglioramento negli indici del bilancio.
Ne vogliamo citare alcuni, quelli più significativi, raffrontando la situazione nel 2010 paragonata a
quella di 10 anni fa:

  • Incremento dell’UTILE ECONOMICO DI GESTIONE (cioè entrate correnti meno spesecorrenti) = + 778 mila Euro. Nel 2000 era – 211 mila Euro. Questo è forse il dato che più dà rilievo al lavoro di risanamento svolto in questi anni.
  • Diminuzione del DEBITO più che dimezzato rispetto al 2000.

Inoltre:

  • la GIACENZA DI CASSA è ora positiva per 1,8 milioni di Euro e ciò garantisce una buona indipendenza finanziaria del Comune.
  • Nel 2010 è stato reso disponibile un AVANZO DI AMMINISTRAZIONE di 313 mila Euro, che include anche la prudenziale pulizia di residui attivi per 281 mila Euro.
  • Continua il trend di DIMINUZIONE DELLA SPESA DI PERSONALE assestata nel 2010 al 25,2% e ben al di sotto del 40%, limite massimo previsto per i Comuni con numero abitanti come Vaprio.

Vogliamo sottolineare che questo risanamento del bilancio è stato fatto SENZA APPORTARE
SIGNIFICATIVI AUMENTI DI TASSE, IMPOSTE o ONERI COMUNALI.

I principi a cui ci siamo attenuti per il risanamento del bilancio sono quelli già citati in altre
occasioni e cioè:

  • utilizzo di RISORSE STRAORDINARIE comunali (oneri urbanizzazione, cessioni patrimoniali, avanzi di gestione) SOLO PER SPESE STRAORDINARIE (investimenti, manutenzioni straordinarie e spese non ricorrenti.)
  • Ricerca costante di SUPPORTI FINANZIARI o REALIZZATIVI ESTERNI.
  • RISPETTO DEL PATTO DI STABILITA’, nonostante questo sia di fatto un meccanismo che penalizza soprattutto i Comuni virtuosi , in quanto limita la possibilità riavviare investimenti utili alla ripresa economica complessiva.
  • TEMPESTIVA APPROVAZIONE DEI BILANCI, che permette di mettere immediatamente in moto la macchina comunale al fine di pianificare con certezza gli investimenti ed affrontare con urgenza gli eventuali imprevisti.

La consapevolezza di avere un bilancio con tutti i conti a posto ci consente di affrontare
con una certa serenità le nuove disposizioni introdotte dal recente decreto sul federalismo
fiscale municipale che prevede una progressiva trasformazione delle entrate: da trasferimenti
centrali a risorse proprie.

Il tema Ospedale è da sempre al centro delle attenzioni delle Amministrazioni che si sono succedute nel tempo. Alla luce delle nomine dei nuovi direttori generali, che resteranno in carica 5 anni, dell’azienda ospedaliera (AO) di Melegnano e della ASL MI2 quali sono le
prospettive per il nostro ospedale e, più in generale, per il distretto 8 dell’ASL MI2?

Sin dal primo momento delle nomine dei 2 nuovi Direttori abbiamo cercato a vari livelli di sollecitare l’incontro tra gli amministratori dei comuni del distretto ed i nuovi direttori nellac onvinzione che la durata del loro mandato fosse la condizione ideale per poter avviare una riflessione programmatica seria nell’ambito socio sanitario sul nostro territorio.
La risposta dei direttori è stata sollecita e alla fine di Marzo abbiamo avuto un incontro congiunto con i due Direttori Generali.

E quali sono state, in concreto, le conclusione di questo incontro?

A livello di distretto socio sanitario il Dir. Gen. Dr. Pellegata ci ha innanzitutto rassicurati sul fatto che il distretto 8, nonostante la diminuzione numerica degli abitanti causata dall’uscita dei Comuni di Cornate, Basiano e Roncello passati alla ASL di Monza Brianza, resterà autonomo e non verrà inglobato in altri distretti.
Abbiamo poi sollevato i due temi più critici già emersi in sede di assemblea distrettuale e cioè:
• la gestione dell’emergenza sul nostro territorio
• la questione dei pazienti dializzati e del loro trasporto verso i centri di dialisi.

Per quanto riguarda la gestione dell’emergenza la Dir. Gen. si è presa la responsabilità di organizzare a breve un incontro tra gli amministratori e la AREU che è l’agenzia regionale deputata alla gestione dell’Emergenza Urgenza in regione Lombardia.

Per quanto riguarda il problema dei pazienti in dialisi il Dr. Pellegata ha confermato la disponibilità della ASL a sostenere il progetto dell’azienda ospedaliera di realizzare un reparto dialisi presso l’ospedale di Vaprio.

E’ possibile avere maggiori dettagli sull’opportunità di realizzare presso l’Ospedale di Vaprio
un reparto dialisi ?

L’aggiunta dei comuni staccatisi dall’AO di Vimercate ha creato un aumento di pazienti da sottoporre a trattamento dialitico verso le strutture della AO di Melegnano che operavano peraltro già al massimo delle capacità recettive, per cui si è reso necessario pensare ad un aumento dei
posti dialisi all’interno dell’AO di Melegnano.
La direzione strategica della AO di Melegnano, completando uno studio di fattibilità gia iniziato dalla precedente direzione, ha presentato un progetto che prevede la realizzazione di un servizio di dialisi presso l’Ospedale di Vaprio, soluzione che oltre a risolvere il problema dei pazienti da sottoporre a dialisi del distretto 8, risolverebbe anche il problema del trasporto degli stessi visto la contiguità dei comuni del distretto con il nostro Ospedale.

Oltre alla dialisi quali altri sviluppi si possono prevedere per l’ospedale di Vaprio?

Il piano programmatico per l’Ospedale di Vaprio presentato dal Dr Cordone, Dir. Gen. dell’AO di Melegnano, agli operatori sanitari di Vaprio, prevede inoltre la possibilità di localizzare da noi parte dei posti letto che le regole di sistema della Regione Lombardia impongono di realizzare a tutte le aziende ospedaliere regionali e che l’azienda di Melegnagno prevede di realizzare in parte a Vizzolo Predabissi ed in parte a Vaprio.
Questo posti vengono definiti LOW CARE e cioè a bassa intensità di cure. In pratica sarebbero posti da destinare a quei pazienti che pur essendo dimissibili da un reparto per acuti, non sono ancora in grado di essere dimessi al domicilio.
Viene previsto inoltre il potenziamento dell’attività ambulatoriale che dispone a breve l’apertura di tre nuovi ambulatori di Oculistica ( ortottista, ipovisione e piccola chirurgia) ed il mantenimento dei reparti di Medicina e Chirurgia confermando il possibile sviluppo della macroattività chirurgica a bassa intensità (day surgery).

In conclusione ritengo che si possa ragionevolmente prevedere che il nostro ospedale continui nel futuro a rappresentare una risposta seria ed affidabile ai bisogni sanitari dei cittadini non solo di Vaprio, ma anche dei comuni limitrofi così come è sempre stato e che, se ciò avverrà, parte del merito sarà da riconoscere anche a questa Amministrazione Comunale che ha sempre considerato prioritario nell’interesse della comunità che rappresenta, la difesa dell’ospedale di Vaprio.

Pubblicato da: listacivicavapriese | aprile 13, 2011

Premiazione dei ragazzi “Piccoli Ciceroni”

L’apertura del Consiglio Comunale dell’8 aprile ha visto la presenza di un folto pubblico: più di 80 persone, genitori e nonni, tutti venuti per ringraziare e applaudire i ” piccoli ciceroni ” che hanno partecipato con impegno e competenza al progetto FAI.

Il Sindaco li ha chiamati individualmente, ha consegnato loro una foto ricordo con dedica personalizzata e ha stretto loro la mano. Sui loro volti si leggeva l’emozione e nel contempo la soddisfazione per quel riconoscimento ufficiale .

Alla scuola, nella persona del Dirigente scolastico dott. Franci, è stata consegnata una pergamena ricordo e il libro ” Leonardo,Vanvitelli e Bellotto a Vaprio D’Adda “. Alla prof. Daniela Colombo, che ha curato la preparazione dei “piccoli ciceroni”, un piatto con la rappresentazione della Casa del Custode delle acque.

Pubblicato da: listacivicavapriese | aprile 9, 2011

GIORNATE FAI 2011

Si sono concluse con enorme successo le giornate FAI 2011 che hanno visto l’impegno e la collaborazione di Associazioni e singoli cittadini

Un evento più unico che raro,possibile ogni 5 anni .

Si sono riscontrate più di 5.912 presenze .

Ingressi: VILLA MELZI n° 1503 – VILLA CASTELBARCO n° 1473 – S.COLOMBANO n° 1389 –

CASA DEL CUSTODE DELLE ACQUE n° 1547 . In alcuni momenti,specialmente nei luoghi non prenotati, alle guide sembrava di essere “alla catena di montaggio “

Non un attimo di sosta nemmeno per i “ piccoli ciceroni” i ragazzi delle scuole medie hanno riscosso il plauso non solo di comuni cittadini ma di autorità competenti

Il Sindaco di Bussero li vuole per una serata a tema. I ragazzi ciceroni a S.Colombano hanno avuto i complimenti da esperti; professori universitari e…. pensate, anche dalla prof.ssa BUONINCONTRI, insegnante e ricercatrice, scrittrice e autorevole relatrice nei convegni dell”ANTENNA EUROPEA DEL ROMANICO “

Proprio a lei si deve la versione corretta dell’interpretazione della lunetta nord, spiegata dal Bacchiet come “ S.Colombano con la clava circondato da animali “

La sua accreditata interpretazione è l’allegoria di “ CRISTO_ORFEO “ : come Orfeo

con la musica attirava gli animali, così Cristo con la sua parola attirava i fedeli .

I visitatori sono rimasti incantati dal rinnovato sagrato e sistemazione del cortiletto nella parte absidale della chiesa di S.Colombano, dall’intervento conservativo e restauro della Casa del Custode delle acque, dai misteriosi sotterranei di Villa Castelbarco e dalla vista del paesaggio da Villa Melzi.

Tutti avevano sulle labbra la frase “ Non immaginavamo che Vaprio avesse questi gioielli ,questa è stata una visita veloce,ma ritorneremo.”

Older Posts »

Categorie